FESTIVAL INTERNAZIONALE DELLA CHITARRA, ALL’AQUILA QUATTRO APPUNTAMENTI PER LA 26ESIMA EDIZIONE


L’AQUILA – Giunge alla XXVI edizione il Festival Internazionale della Chitarra, nell’ambito della programmazione della Società aquilana dei concerti “Bonaventura Barattelli” in collaborazione con l’Associazione Chitarristica Aquilana e l’Associazione Festival Internazionale della Chitarra.

Quattro appuntamenti dal 13 al 20 settembre tutti all’Auditorium del Parco con inizio alle ore 18,30.

Una edizione caratterizzata dal rispetto delle normative legate all’emergenza sanitaria in corso che ha ridotto il numero dei posti disponibili ma che non ha condizionato la qualità dell’offerta musicale.

Il primo appuntamento, domenica 13 settembre è con lo straordinario chitarrista polacco Marcin Dylla, uno dei migliori esecutori del mondo regolarmente invitato nelle istituzioni più prestigiose. Il programma prevede opere da Bach a Carter attraversando tre secoli di musica.

Segue mercoledì 16 settembre il recital del giovanissimo Zlatko Josip Grgi?. Nato a Zagabria nel 2001 è oggi considerato fra i chitarristi più promettenti del mondo. Il terzo appuntamento della rassegna è venerdì 18 settembre con Goran Listes, chitarrista di altissimo livello artistico ed interpretativo, spesso ospite del Festival, che presenterà, fra l’altro, alcune suo composizioni.

Chiude il Festival domenica 20 settembre un duo tutto al femminile con la flautista Francesca Apeddu e la chitarrista Maria Luciani che formano il “Duo Cordas et Bentu” il cui nome è un omaggio alla Sardegna, loro terra natale: “corde e vento”.

I concerti sono ad ingresso libero ma con prenotazione obbligatoria al numero 0862-24262, raccomandando al pubblico il rispetto delle normative, ovvero distanziamento e utilizzo della mascherina e di seguire le indicazioni del personale.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.