“LA GUERRA DEGLI ANTÒ”, LA COMMEDIA GENERAZIONALE DI RICCARDO MILANI MADE IN ABRUZZO CHE HA SEGNATO UN’EPOCA


L’AQUILA – La guerra degli Antò è uno di quei film in grado di suscitare anche a quasi vent’anni di distanza nostalgia e ricordi, anche personali. Al sottoscritto fa ricordare in particolare un pomeriggio aquilano di primavera del 1999, quando il nostro chitarrista detto “Ju punk” giunse trafelato alle prove della band, dei Polistil, scusandosi del ritardo dicendo che era stato vicino al “Boss”, in un posto dove stavano cercando dei “punk veri” per un film da girare a Montesilvano (Pescara).

Poi non fu preso, perché ovviamente al cinema la scelta finale tiene conto di tanti fattori: quello fu però il primo di alcuni ricordi personali legati a La guerra degli Antò, l’altro riguarda la prima aquilana del film, diversi mesi dopo, in un gremito cinema Imperiale, perché fu la mia prima, emozionata uscita pubblica come esperto di cinema, a fianco del regista Riccardo Milani e degli attori.

Come spesso accade la pellicola alla sua uscita non fu pienamente compresa, ma poi invece, con il passare degli anni è diventata un piccolo cult, assai prezioso soprattutto per le giovani generazioni, per vedere come era la vita dei loro genitori da ragazzi, quando c’erano forse, anche se in principio di disgregazione, ancora dei valori culturali validi a cui aggrapparsi.

Riccardo Milani, in passato prezioso collaboratore di Mario Monicelli e da sempre innamorato dell’Abruzzo, sapeva perfettamente come raccontare in maniera incisiva i vizi e le virtù degli italiani, facendo riferimento ad un fortunato romanzo di Silvia Ballestra, Il disastro degli Antò, e puntando con decisione su luoghi e attori abruzzesi: tra le location su tutte Montesilvano, per una lunga parte del film, e Pescasseroli (L’Aquila) per le scene sulla neve, per poi utilizzare anche location a Bologna e ad Amsterdam.

Attenta e fortunata anche la scelta dei protagonisti, dei quattro Antò, a ciascuno dei quali poi venne dato un soprannome di riferimento, ed ecco allora che Flavio Pistilli di Popoli (Pescara) divenne “Lu purk”, Danilo Mastracci dell’Aquila “Lu zombi”, Federico Di Flauro di Sulmona (L’Aquila) “Lu malatu” e Paolo Setta di Bussi sul Tirino (Pescara) “Lu zorru”: a loro si aggiunsero Regina Orioli, all’epoca molto nota per aver interpretato Ovosodo di Virzì e soprattutto Il gallo cedrone di Verdone, e una serie di ragazzi in ruoli minori ma incisivi, su tutti l’aquilano Giuseppe Gasbarri detto “Orzoro”, davvero simpatico nel ruolo dello studente fuori sede.

Purtroppo nell’ottobre del 2015 Danilo Mastracci, ”Lu Zombi”, è venuto a mancare per problemi cardiaci, poco dopo aver compiuto appena 39 anni, lasciando in tutti quelli che lo conoscevano e lo apprezzavano un vuoto incolmabile.

La guerra degli Antò uscì nel 1999 ma la vicenda narrata era invece ambientata nel 1990, nell’epoca della guerra del Golfo, ma anche delle profonde trasformazioni sociali e culturali in atto nel nostro paese: memorabili a tal proposito due sequenze del film, quella dell’incursione dei punk nella trasmissione Chi l’ha visto, di fronte ad una sbalordita Donatella Raffai, e l’altra, emblematica, nella quale i nostri eroi, ormai definitivamente rientrati dal sogno di evadere dalla realtà del loro paesello, assistono disgustati in spiaggia al trionfo del consumismo, con i loro parenti a pancia all’aria tutti intenti ad eseguire le famigerate coreografie dei balli latino americani.

Ma nel bellissimo finale c’è invece ancora tempo per la malinconia di tempi forse andati per sempre, con i quattro protagonisti che guardano all’infinito, come il protagonista dei 400 colpi di Truffaut, con lo sfondo grigio dei grandi alberghi chiusi per l’inverno, e le note de La stagione dell’amore di Battiato ad accompagnarli… da brividi!

“A Montesilvano, nell’ottobre del 1990, le vicende di quattro giovani amici punk costretti a vivere tra persone e luoghi che non sopportano, tra lambade e ombrelloni di un’Italia che sta cambiando e che sembra poco interessata alla guerra del Golfo e alle lotte di classe: la voglia di libertà porterà alcuni di loro in luoghi mitizzati della cultura giovanile, ma la realtà è assai diversa…”.

Regia: Riccardo Milani
Soggetto: dal romanzo Il disastro degli Antò di Silvia Ballestra
Sceneggiatura: Riccardo Milani, Sandro Petraglia, Domenico Starnone
Fotografia: Alessandro Pesci
Montaggio: Marco Spoletini
Musiche: Piccola Orchestra Avion Travel
Interpreti: Flavio Pistilli, Federico Di Flauro, Paolo Setta, Danilo Mastracci, Regina Orioli, Donatella Raffai, Giuseppe Gasbarri

*critico cinematografico

LE FOTO