L’AQUILA, AL PARCO DEL CASTELLO LA FESTA DELLA MUSICA NEL SOLSTIZIO D’ESTATE

Foto Daniel Kirsch

L’AQUILA – “La musica riparte!”. Con questo slogan la Società aquilana dei concerti Bonaventura Barattelli e il Comune dell’Aquila hanno presentato l’edizione 2020 della “Festa della Musica”, che quest’anno ha un valore aggiunto, ovvero quello di un nuovo inizio dopo il blocco dello spettacolo dal vivo per le nota emergenza sanitaria.

L’evento è in programma domenica prossima, 21 giugno, all’interno del Parco del Castello, uno dei luoghi simbolo della città, con una formula inedita che faciliterà il rispetto delle norme anti-covid tutt’ora in atto per i concerti.

Ci saranno due appuntamenti, alle ore 19 e alle ore 21,30, ad ingresso libero con prenotazione obbligatoria, con quattro postazioni all’interno del Parco del Castello che ospiteranno altrettanti gruppi musicali. Il pubblico sarà diviso in quattro gruppi da massimo quaranta persone, e ciascun gruppo, terminata l’esibizione, slitterà alla postazione successiva, consentendo al pubblico di poter assistere a tutti e quattro gli spettacoli.

La prima postazione è il sagrato della Chiesa del Crocifisso, dove si esibirà la band swing “Crazy Stompin’ Club” in formazione strumentale,  che porterà il pubblico alla scoperta de “I suoni di New Orleans”.

Due postazioni saranno allestito lungo Viale Benedetto Croce, ovvero il passaggio che circonda il Forte Spagnolo. Dal lato nord-est il quintetto di ottoni “Caesar’s Brass Quartet” con il programma dal titolo “Lo stretto indispensabile”, una carrellata di brani tratti da celebri colonne sonore di film e cartoni animati.

Nella postazione sul alto nord-ovest ci saranno invece i due percussionisti Marco Crivelli e Daniele Ciocca, con il programma “Yellow after the rain”.

La quarta e ultima postazione si troverà nei pressi dell’Auditorium del Parco, dove si esibirà “Triosfere”, una formazione costituita da bandoneon, chitarra elettrica e contrabbasso, che con il programma “Oltre il cielo di Buenos Aires” porterà un mix di tango, jazz, musica colta e pop.

Oltre ai musicisti, le tre voci recitanti di Matteo Di Genova, Valeria Bafile e Tiziana Gioia intratterranno il pubblico con letture di documenti e racconti riferiti alla storia dell’Aquila, e considerazioni sulla musica e sulla cultura di vari artisti contemporanei.

L’evento è stato presentato stamane in una conferenza stampa a Palazzo Fibbioni, alla presenza del sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, l’assessore al turismo Fabrizia Aquilio, il vice sindaco Raffaele Daniele, il presidente della Barattelli Giorgio Battistelli e il direttore artistico della società dei concerti Fabrizio Pezzopane.

“Finalmente si riparte. Teniamo in maniera particolare a questo evento, il primo spettacolo musicale dal vivo dopo l’emergenza Coronavirus” ha detto Pezzopane. “Questa è una prova generale di quella che sarà la nostra attività per quest’estate. Abbiamo lavorato duramente per consentire lo svolgimento di questo evento, puntiamo molto sul buon senso del pubblico nell’avere un comportamento adeguato alla situazione, e speriamo che ci sia tanta partecipazione”.

“Spero che la festa della musica possa essere la festa di tutti i tipi di musica, abbracciando tutti i generi, dal jazz all’elettronica, e che lo rimanga anche per gli anni futuri” ha aggiunto il presidente Battistelli.

“Vogliamo puntare su progetti eterogenei, che coinvolgano il maggior numero di realtà possibili, per rendere L’Aquila una città di élite per quanto riguarda la musica. Con questa amministrazione lavoriamo molto bene, e le basi per realizzare tutto questo ci sono tutte”.

Lo svolgimento dell’edizione 2020 è senz’altro caratterizzata, soprattutto a livello organizzativo, dalle norme di contenimento e di sicurezza sanitaria ancora in vigore. Per questo è assolutamente obbligatoria la prenotazione al numero 0862-24262 o all’indirizzo email barattelliconcerti@barattelli.it.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021