PIPPO MEZZAPESA AL GIARDINO LETTERARIO DI SAN PIETRO DELLA JENCA


L’AQUILA – Domenica 21 luglio alle ore 17,30 il regista Pippo Mezzapesa sarà ospite del quinto appuntamento della rassegna culturale “Il Giardino Letterario” a San Pietro della Jenca (L’Aquila) e parlerà del suo ultimo film Il bene mio (secondo film dopo l’esordio nel 2011 con Il paese delle spose infelici), del quale è anche sceneggiatore insieme ad Antonella Gaeta e Massimo De Angelis.

Provvidenza è un borgo fantasma. Un terremoto ha spazzato via vite, futuro e speranza, ma lì è rimasto Elia, custode dei ricordi di una comunità perduta trasferitasi a valle, interpretato dall’attore Sergio Rubini, che combatte per il passato, l’amore e la memoria del suo paese.

Elia non molla: “Questa è casa mia”, ripete ostinatamente, e si strugge nel ricordo della moglie Maria, la maestrina di Provvidenza deceduta a causa del terremoto. I suoi unici contatti umani sono con il migliore amico Gesualdo, che gestisce un’agenzia di viaggi e con Rita, ex collega di Maria, che porta ad Elia viveri e notizie. Il sindaco di Provvidenza Nuova, che è anche suo cognato, è il più deciso ad allontanare Elia dal paese vecchio, al punto da richiedere l’intervento della forza pubblica e far edificare un muro intorno all’abitato, con tanto di filo spinato.

Ma proprio quando Elia sta per essere circondato, all’interno di Provvidenza Vecchia comincia ad avvertire una presenza: sarà il fantasma di Maria, venuto a riprendersi il suo cocciuto marito”?

Nel film Il bene mio viene riassunto sia il bene individuale che ha perso Elia, sia il bene collettivo di una comunità che ha tradito il proprio paese e che Elia vorrebbe riportare dove era. Il film di Pippo Mezzapesa ha ricevuto due nomination al Globo d’Oro per la fotografia e per la musica.

“Intento dell’Associazione culturale – dice in una nota il presidente dell’associazione San Pietro della Jenca, Pasquale Corriere – è quello di promuovere un turismo integrato e di qualità, favorendo ed esaltando la conoscenza delle specifiche peculiarità del territorio costituito dalla meravigliosa bellezza della montagna unitamente ai valori dei centri storici del territorio aquilano”.