TEATRABILE L’AQUILA, UNA RICCA STORIA CHE DURA DA TRENT’ANNI

bty

L’AQUILA – Tre decenni di teatro. Tanti momenti creativi e il superamento del periodo difficile del post sisma 2009.

L’associazione Teatrabile compie quest’anno 30 anni e nei giorni scorsi ha voluto festeggiare questo anniversario con chi rappresenta la storia e l’anima dell’associazione e con i tanti amici che si sono dati appuntamento in quella che, da dopo il 2009, è la casa dell’associazione, ovvero la Casa del Teatro in Piazza d’Armi. La nascita di quel luogo, come tutta l’attività di Teatrabile, è frutto di una fattiva collaborazione con l’Arci.

A raccontare la storia sin dai primi passi, una delle anime storiche, Marco Alesii.

“Tutto comincia nel lontano 1986 – racconta a Virtù Quotidiane – con un corso di dizione e recitazione, organizzato dal Comitato Arci dell’Aquila (con la supervisione del regista Antonio Calenda), dal quale viene fuori un gruppo di persone fortemente motivate. Nel 1990 il gruppo costituisce formalmente l’associazione culturale Teatrabile, sotto la presidenza di Giovanna Di Matteo, con l’idea (di ispirazione brechtiana) di contribuire a formare, oltre all’attore teatrale, anche lo spettatore”.

“Eravamo un gruppo di pazzi – scherza la Di Matteo – vivevamo per il teatro una sensazione di irrinunciabilità che è rimasta vivo negli anni in tanti di noi”.

I primi anni di Teatrabile sono ricchi di iniziative, tra cui “Follie d’Estate” nel parco di Collemaggio e spettacoli realizzati in proprio con professionisti, o analizzato da prospettive inconsuete (come ad es. i convegni sul radiodramma).

Il tutto viene reso possibile grazie anche alla preziosa collaborazione di enti, associazioni e professionisti, tra i quali occorre ricordare il regista Alberto Gozzi, Giorgio Pitone e Franco Mescolini, attore.

“Tra gli anni ‘90 e i 2000, Teatrabile, insieme ad Arci L’Aquila – continua Alesii – collabora con il neonato circolo SpettacolArci di Raiano (L’Aquila) in attività laboratoriali e spettacoli per ragazzi, condotte da Eugenio Incarnati, che successivamente, dopo un periodo di interruzione delle attività, riporta l’Associazione a nuova vita”.

Oggi Teatrabile collabora con le scuole, produce spettacoli e offre uno spazio per la condivisione e la creazione di spettacoli: è la “Teatro Studio – Casa del Teatro” di Piazza d’Arti all’Aquila (dove opera tuttora). Referente principale di Teatrabile, oltre a Eugenio Incarnati, sono le attrici Alessandra Tarquini e Roberta Bucci e Mariacristina Tentarelli (tutte membri del direttivo).

Teatrabile vive di scambi teatrali con le compagnie del territorio, come Lanciavicchio, Fantacadabra e Tiriteri Teatelier e altre come Pulcinellarte di Roma e Teatro dell’Argine di Bologna. Collabora anche con il Teatro Stabile d’Abruzzo.

Prossimo appuntamento sarà l’8 marzo con Penthotal, un’iniziativa innovativa che apre le porte a tutti gli artisti, o meglio a tutti coloro che vogliano condividere un momento creativo con gli spettatori. Stavolta l’iniziativa sarà “pink” in rosa, per ricordare la festa delle donne.

Tutte le informazioni sulla pagina Facebook Teatrabile L’Aquila.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.