STELLA MICHELIN, PER ZONFA DIECI ANNI DI SODDISFAZIONI


L’AQUILA – Lo conserva piegato in un cassetto come un prezioso cimelio, in modo tanto intimo da non regalare neppure una cornice da appendere in bella vista. È il fax (foto sotto) con il quale Michelin gli comunicava l’attribuzione della Stella, tra i massimi riconoscimenti nel mondo della gastronomia.

Da allora sono trascorsi dieci anni e William Zonfa, oggi 38 enne, guida come il primo giorno la cucina del ristorante Magione Papale dell’Aquila, tanto da essere stato confermato nella prestigiosa guida.

Diplomato all’Alberghiero di Roccaraso (L’Aquila) nel 2001, fa le prime esperienze in un ristorante tre stelle Michelin in Germania dove rimane tre anni. Per nove mesi lavora in un due stelle Michelin in Francia e una stagione estiva al Pellicano di Porto Ercole e una stagione al Mosaico di Ischia.

Torna a L’Aquila nel 2010 a Magione Papale, dove dopo appena pochi mesi di attività riceve la stella Michelin e nel 2013 è nominato Chef Emergente Gambero Rosso.

Oggi ha seguito a distanza col fiato sospeso la cerimonia di presentazione della Michelin al Teatro municipale di Piacenza: “La prima volta fu una sorpresa, del tutto inaspettata quindi non ho vissuto l’ansia come negli anni successivi – ammette a Virtù Quotidiane – , perché anche se sai di essere stato costante nel lavoro, hai sempre un po’ di preoccupazioni rispetto al giudizio degli ispettori”.

“La cosa che mi fa più piacere è il riconoscimento al nostro impegno e alla nostra grande costanza”, aggiunge, facendo notare che “non è sufficiente cucinare bene ogni tanto, ma occorre farlo 365 giorni l’anno”,

“Una costanza così lunga per L’Aquila non c’è mai stata, è l’unica stella che brilla sulla città da dieci anni, un piccolo pezzo di storia, un patrimonio comune oltre che della mia vita”, conclude lo chef. (m.sig.)