GUIDO RISPOLI, FOOD LOVER AQUILANO ALLA RICERCA DELLE RICETTE DELLA TRADIZIONE


L’AQUILA – Le cose buone richiedono tempo. Che si tratti di un pezzo da scrivere, di una storia d’amore o di una gustosa ricetta, saper attendere è fondamentale per amalgamare gli ingredienti e rendere il risultato unico e speciale. In estrema sintesi, è racchiusa in questo concetto la filosofia di Guido Rispoli, aquilano doc, food lover e blogger creativo che celebra e venera la tradizione culinaria aquilana e italiana dalle pagine scorrevoli del suo sito www.granoesesamo.it.

La passione di Guido per la cucina ha radici lontane, nasce tra odori e sapori del passato e dell’infanzia, piatti assaggiati e preparati un milione di volte, sempre allo stesso modo, rispettando dosi e proporzioni anche senza bisogno di strumenti sofisticati. Le ricette delle nonne sono così, vanno un po’ a occhio ed è forse proprio questo modo di procedere così lontano dalla scienza esatta della cucina moderna a renderle uniche e meritevoli di essere tramandate e preservate.

“Di mestiere ho fatto altro, sono stato un grafico – racconta Guido a Virtù Quotidiane – ma ora questa mia passione ho tutte le intenzioni di portarla avanti. È un modo diverso di esprimere la mia creatività, impegnarmi per far sì che le ricette della tradizione culinaria aquilana, in particolare, non vadano perse, non scompaiano calpestate dalle mode del momento e dal sempre meno tempo che oggi dedichiamo a cucinare”.

Accanto a computer, software, colori e stampe ecco allora arrivare l’occorrente degno di un cuoco professionista per celebrare ogni singolo ingrediente, ricercato, selezionato e trasformato di volta in volta in un piatto diverso.

“L’obiettivo principale per me è sopra ogni cosa far conoscere le ricette della tradizione aquilana. Valorizzare un patrimonio che in altre parti d’Abruzzo e d’Italia è già tenuto in grande considerazione, più di quanto non si faccia qui – sottolinea ancora Rispoli – . Pensiamo al teramano, poche ricette famose in tutto il mondo come le Mazzarelle, le Virtù, i Granetti con le fave, il Timballo sono le basi dell’Accademia della cucina teramana nata proprio per promuovere e far conoscere la tradizione gastronomica del territorio”.

Parliamo dell’Aquila, di gusti e di piatti forse ormai quasi dimenticati, come il Pancotto, di cui si trovano varianti già passando da un Quarto all’altro della città. “Il pancotto del Quarto di San Pietro, per dire, è diverso dal pancotto del Quarto di San Marciano, cambiano le proporzioni della ricetta – spiega Rispoli – di quel piatto unico della tradizione contadina fatto di pane raffermo rigorosamente da lievito madre, cotto con aglio, alloro, olio extravergine di oliva e pecorino”.

Quindi non solo ricordi ma anche ricerca sul campo, un percorso difficile, in assenza di documenti certi al di fuori delle canoniche raccolte di ricette più o meno datate. Da qui il progetto di un Blog, Grano e Sesamo appunto, per raccontare i segreti della cucina domestica, non della cucina da ristorazione nel senso stretto del termine, ma del piacere di portare in tavola a casa propria piccoli frammenti di felicità racchiusi in un piatto. Dove Grano sta per tradizione e Sesamo per innovazione.

In www.granoesesamo.it, sito attivo già da qualche tempo, una delle prime pietanze a essere descritta con dovizia di particolari è stata la Zampanella “fatta alla maniera nostra, all’aquilana. Che poi i romani hanno ribattezzato Panzanella, il piatto più semplice del mondo e anche il più saporito. Va preparata in un certo modo, con il pane casereccio aquilano, perché va utilizzato raffermo e deve avere quella piccola nota acida data dal lievito madre, bagnato con acqua, poi olio delle nostre terre e aceto, pomodoro del tipo ramato, cipolla e origano”.

Il pane aquilano merita un discorso a parte e meriterebbe di gran lunga più spazio: è quello fatto con grano di Solina e patate lessate mescolate nell’impasto, cotto a legna, nei forni di pietra o di tufo, accompagnava i contadini e doveva mantenersi umido e morbido per diversi giorni.

Così come un discorso lungo magari seduti a tavola lo meriterebbero tutte le altre pietanze, dall’agnello uovo e limone ai cannarozzetti lardo e cacio, passando per il riso abbrustolito con l’indivia o le volarelle di pasta all’uovo, cucinate in brodo, che si facevano appunto “volare” infarinate per evitare che si attaccassero le une alle altre. E ancora il baccalà aquilano al sugo con l’uva passa e la cipolla, le ferratelle, le mandorle attorrate.

Cucinare è di sicuro la moda del momento, lo è stato in special modo durante il primo lockdown forzato, forni e fornelli messi a dura prova in gare domestiche di abilità e fantasia. Ma qui si vuole parlare di altro, di cose dimenticate, sapori di un tempo passato e in gran parte purtroppo perduto, lasciando alle tendenze passeggere la briga di proporre piatti veloci da spadellare in cinque minuti o tentativi di imitazione degli chef più famosi. Qui si torna al piano piano, alla masticazione lenta, alla ricerca dei quaderni di appunti con le annotazioni di ingredienti e dosi, ai quanto basta che diventano segreti familiari da tramandare gelosamente.

“Cerco di portare alla luce ricette di cui sono certo, degli ingredienti, della preparazione, della storia e della provenienza. Solo allora, solo dopo una conoscenza approfondita si può parlare secondo me, di innovazione nella tradizione, rispettando la tradizione stessa”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021