L’ABRUZZO IN BICI, EMIDIO TERRA ORA SOGNA DI CIRCUMPEDALARE LA REGIONE DEI PARCHI


CHIETI – Emidio Terra, 30 anni originario di Chieti, è riuscito nell’intento di affiancare la sua passione per le due ruote al lavoro. Infatti la sua attenzione social al mondo sportivo, al quale si dedica da anni, è nata proprio dietro la scrivania della società di consulenza per la quale lavorava in passato, dove c’era un’area dedicata a rappresentare l’azienda all’esterno, di cui si è occupato per dimostrare prima di tutto a se stesso di poter coniugare la professione e lo sport, ritagliandosi 12-14 ore di ciclismo a livello agonistico e diffondendo la sua attività tramite la pagina Instagram Emidioland.

Attualmente responsabile del controllo industriale nell’azienda De Cecco, ha preso parte al progetto promosso dalla Regione Abruzzo per diventare Smart Ambassador e dedicarsi alla promozione del cicloturismo e del vivere green in genere; progetto di cui è orgoglioso per la spinta contenutistica-descrittiva che ha potuto aggiungere ai suoi post.

“L’attività di blogging alla quale sono chiamato mi permette di aggiungere descrizioni alle mie foto e ai miei video emozionali; così facendo posso dare ai miei percorsi una chiave di guida per il lettore che vuole seguire il mio tracciato, prima ancora del semplice racconto della mia esperienza”, ammette a Virtù Quotidiane.

Si capisce che lo sport scorre nelle sue vene dai dettagli e il trasporto con i quali riporta le esperienze sportive collezionate finora. Da sportivo agonista, partecipa regolarmente a circuiti di stampo nazionale, come il Giro-E, dedicato interamente alla bici elettronica, che segue l’identico percorso del Giro d’Italia con lo scopo di essere vetrina per le aziende sponsor e delle due ruote elettriche.

Lo vedono protagonista anche una serie di gare internazionali che rientrano nel campionato amatoriale ciclistico Acsi, come la Granfondo di Roma.

Nella scelta dei percorsi da sperimentare e di conseguenza da proporre sono variabili imprescindibili l’aspetto tecnico, la tipologia di montagna da scoprire e la componente fatica, che nello sport rappresenta il puro divertimento.

Predilige tracciati di montagna, e quello della Maiella è il suo percorso del cuore: 180 km attraverso i quali riesce a circumpedalare tutti i suoi versanti, passando per il Valico della Forchetta e toccando paesi come Fara San Martino, Palena, Pacentro, Caramanico, Roccaraso e Pescocostanzo, mete turistiche che consentono anche la sosta.

I tragitti consigliati sono orientati ad un pubblico di ciclisti sportivi e possono consistere in giri ad anelli o giri a tappe, che spesso emulano quelle del Giro d’Italia.

Sono percorsi che coprono un raggio di 120 km per ciclisti che utilizzano bici da strada o Gravel, ma ciò non toglie la possibilità ad alcuni di sfruttare la ebike. Non sono percorsi per mountain bike, per i quali è difficile proporre cicloturismo, dato il peso maggiore e un raggio di percorrenza sui 70 km.

L’Abruzzo è certamente la regione che meglio si adatta alla sua passione: “Viviamo in un paradiso per ciclisti, visto che si può scegliere tra sentieri collinari, di alta montagna e di pianura. Nell’immediato futuro ho intenzione di fare il giro completo dell’Abruzzo, nell’ordine di 400-500 km distribuiti in tre giorni così da toccare tutte le province e non dimenticando alcun punto di interesse”, rivela.

Emidioland raggiunge mediamente trentamila impression e 400 interazioni dirette ogni settimana per la richiesta di supporto, informazioni e necessità alle quali Emidio risponde via direct o via mail.

LE FOTO

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021