PROGETTO AGRICOLO SPERIMENTALE, A CAPESTRANO I SAPORI ANTICHI SI MESCOLANO A PRODUZIONI INNOVATIVE E ARRIVANO DIRETTAMENTE A CASA


CAPESTRANO – Esempio di quanto le collaborazioni professionali siano occasioni fortunate di crescita, è il progetto agricolo sperimentale nella frazione di Santa Pelagia a Capestrano (L’Aquila). Nato dalla coesione di due aziende agricole avviate da Marcello Tresca, Marco Cerasoli e Dina Ammazzalorso, oggi divenuto punto di riferimento per una sana alimentazione dell’entroterra abruzzese e non solo.

Rappresenta la scommessa, come quella di tanti altri giovani, di inventarsi una professione, pur di rimanere a vivere in Abruzzo, prima di gettare la spugna e lasciare l’Italia in cerca di un’occupazione.

E la scommessa sembrerebbe vinta a tutti gli effetti, considerando la loro passione in questo lavoro, che impone di seguire e rispettare i tempi della natura. È un’autodisciplina che amano contrapporre alla vita frenetica che oggi si conduce.

Vantano numerose produzioni di legumi, come i fagioli aquilani, dalla buccia più sottile e più digeribili rispetto ai borlotti e perciò consigliati anche nell’alimentazione dei bambini; i fagioli neri, i cannellini, i cosiddetti suocera e nuora e, in questo periodo, una vasta gamma di ortaggi estivi, quali pomodori, zucchine, cetrioli, peperoni e peperoncini; cicoria, fagiolini, patate, bieta a coste rosse e a coste colorate per invogliare anche i più piccoli.

Tra loro di suddividono i lavori in base al grado di difficoltà e quelli che richiedono maggiore pazienza sono riservati a Dina, ai quali vi si dedica paragonandoli a veri e propri esercizi di meditazione. La sede è la stessa dell’azienda agricola incentrata sull’allevamento di conigli, avviata molti anni fa da Marcello e Marco, dopo una lunga carriera nel settore dell’allevamento di trote a Bussi.

Oggi, invece, si dedicano principalmente all’allevamento di mucche marchigiane Igp tenute allo stato brado e di galline ovaiole, per i quali hanno l’obiettivo di eliminare ogni traccia di intensivo e tornare alle vecchie e buone tradizioni agricole.

Hanno abbracciato una filosofia che non prevede l’uso di diserbanti e pesticidi nella coltivazione dell’orto, affermando che “vogliamo occuparci dell’orto come si fa con quello di casa e avere così la sicurezza di avere un prodotto genuino al 100%. La qualità che i nostri clienti ci riconoscono è per noi la spinta nelle giornate più dure, e al tempo stesso ci fa sentire la responsabilità di essere i loro referenti più fidati”.

L’incontro dei tre è avvenuto nel 2016, grazie ad un bando del parco nazionale del Gran Sasso per la custodia e valorizzazione dei legumi antichi del territorio. Al tempo Dina aveva 34 anni, era laureata in Scienze ambientali e aveva alle spalle esperienze come educatore ambientale e guida nelle riserve naturali della zona.

L’agricoltura è stata una nuova sfida nella quale si è voluta cimentare con tutta se stessa. Ha deciso così di candidarsi al bando come giovane aspirante agricoltore, in seguito è stata selezionata ed affidata ai tutor Marcello e Marco, quali agricoltori custodi della zona di Capestrano.

“Durante il primo anno, Marcello mi ha fornito i semi per cominciare la raccolta e mi ha insegnato tutte le fasi di lavorazione. Ho iniziato ad avere la mia prima produzione di legumi antichi, che ho venduto alle persone a me più vicine, e sono stata sorpresa dall’entusiasmo che in tanti mi hanno dimostrato, ritrovando i sapori perduti della cucina delle mamme e delle nonne”, racconta a Virtù Quotidiane con la soddisfazione negli occhi di chi intraprende un nuovo percorso al quale si sente legata da sempre.

Successivamente è stata aggiunta la coltivazione dei ceci, approfittando della contiguità del territorio a quello di Navelli, conosciuto per i ceci omonimi. Attività collaterali sono la produzione dell’olio e della passata di pomodoro in bottiglia.

L’equilibrio che sono riusciti ad instaurare sembra perfetto: Marcello e Marco tramandano il sapere e Dina lo raccoglie facendone tesoro. Hanno definito il loro progetto “sperimentale” proprio perché caratterizzato dalla voglia di sperimentare e introdurre ogni anno nuove coltivazioni, aggiungendole a quelle dei prodotti tradizionali.

La vasta clientela ricomprende persone del posto che vogliono fare una passeggiata in campagna e arrivano per vedere di persona i prodotti e gli animali, turisti che provengono da tutta Italia e dal Venezuela, che hanno conosciuto questa realtà tramite il sito internet o il passaparola. E tutti coloro che con una semplice chiamata ricevono a domicilio una cassetta di prodotti bio.

L’estate scorsa, all’interno dello Strano Film Festival, il festival della cultura della Terra che ha luogo a Capestrano, si sono messi a disposizione per una giornata didattica ricreativa sull’uso del setaccio usato per pulire i legumi secondo tradizione,

Tutti i prodotti possono essere acquistati anche presso il mercato contadino di Sulmona. Giorgia Roca

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2020