30MILA EURO DI VINO MAI PAGATO, CANTINA MIGLIANICO TRUFFATA


MIGLIANICO – Un 62enne è finito sotto processo a Chieti con l’accusa di ricettazione per aver raggirato la Cantina Miglianico, alla quale non sarebbero state pagate migliaia di bottiglie di vino per circa 30mila euro.

Nel dicembre del 2014 una società di San Salvo stipula un importante accordo commerciale con la Cantina, un’azienda con 300 viticoltori associati e oltre 500 ettari di vigneto gestiti, per diverse forniture di vino.

La ditta cliente, però, dopo il primo carico non paga più le forniture e a luglio dell’anno successivo Cantina Miglianico decide di rivolgersi a un legale che presenta denuncia.

Il 10 gennaio del 2016, racconta Il Messaggero, in un capannone di San Salvo i carabinieri trovano centinaia e centinaia di bottiglie di vino che secondo il pm Giampiero Di Florio “sono di provenienza illecita, in quanto provento di truffa ai danni della Cantina Miglianico”, così finiscono sotto sequestro 2.322 bottiglie tra Montepulciano d’Abruzzo Dop, Merlot Cabernet Sauvignon e Sauro rosato Terre di Chieti.

L’imputato ha chiesto e ottenuto il rito abbreviato.