ALL’AQUILA LATTE FRESCO (E DERIVATI) A DOMICILIO COME UNA VOLTA


L’AQUILA – La frenesia del consumismo, la diffusione della plastica, la mania dell’usa e getta. Ci è voluta una pandemia mondiale per far tornare tutti ai modi di una volta e, soprattutto, a far scandire i tempi alla natura.

È così che all’Aquila, in tempi di emergenza Coronavirus, il latte fresco non solo è in bottiglie di vetro, ma arriva direttamente a casa come avveniva mezzo secolo fa, invertendo la tendenza che ha visto scomparire un mestiere.

L’iniziativa è della latteria Da Carolina e Gina, che ha aperto i battenti il 15 luglio scorso in Piazza Duomo 28, con un innovativo progetto patrocinato dall’Associazione regionale allevatori (Ara) che garantisce una filiera cortissima del latte.

I suoi titolari, Michele Morelli Gianmarco Bottino, da quando il governo ha ordinato la serrata delle attività di somministrazione hanno attivato la consegna a domicilio di prodotti freschissimi. Raccolgono gli ordini dalle 10 alle 16 e dalle 16,30 effettuano le consegne.

Oltre al latte fresco 100 per cento aquilano, si possono ordinare i nodini di mozzarella freschi di filatura, le scamorze passite, ricotta, robiola, caciottina morbida, stracciata aquilana, yogurt naturale, kefir e il pane di Niko Romito, lo chef Tre stelle Michelin di Casadonna di Castel di Sangro di cui Carolina e Gina ha l’esclusiva a L’Aquila.

È possibile ricevere direttamente a casa anche il gelato.

Il costo della consegna è di solo 1 euro in città e 2 euro fuori città, ma con una spesa minima di 20 euro la consegna sarà addirittura gratuita.

Per le prenotazioni si possono chiamare i numeri 393-9386186 (Michele) o 349-7190029 (Gianmarco).

pubbliredazionale

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.