ALPINI GRANDI CHEF, ALL’AQUILA SFIDA TRA CUCINE DA CAMPO CON ZONFA GIUDICE D’ECCEZIONE


L’AQUILA – Addestrare il personale del Nono reggimento Alpini del battaglione “Vicenza” nell’ottica di un lavoro sinergico sull’utilizzo dei mezzi mobili campali tra tutti gli assetti specialistici di Forza Armata e le componenti di protezione civile, finalizzato a ridurre al minimo le procedure di intervento previste in caso di calamità naturali: tutto ciò anche in cucina.

Con questo obiettivo il personale del Nono reggimento Alpini del Battaglione “Vicenza”, dell’Associazione Nazionale Alpini (Ana) Abruzzo e del Corpo italiano di soccorso dell’Ordine di Malta (Cisom) si sono ritrovati nell’esercitazione all’interno del parco di Murata Gigotti, che ospitò moltissimi sfollati dopo il terremoto del 2009, nella frazione aquilana di Coppito.

La singolare competizione tra le cucine da campo ha visto trionfare la ricetta dell’Ana, diventata piatto ufficiale del Nono reggimento, con gli spaghetti al pesto casolano, erbe di bosco aromatiche, acciughe e capperi, dello chef Domenico, 88enne originario di Casoli (Chieti) che nel 1999 ha partecipato alla missione “Arcobaleno” in Albania, durante la Guerra dei Balcani, cucinando per oltre 1.500 persone ogni giorno.

A valutare la prova gastronomica amatoriale è stata un’apposita giuria, presieduta dallo chef stellato aquilano William Zonfa e dal comandante del Nono reggimento Alpini, colonnello Paolo Sandri.

“Un piatto semplice, ma pieno di tutti i profumi abruzzesi, che si può fare sia in un’occasione di festa sia in situazioni di emergenza. Tipicità e originalità hanno prevalso sugli altri due piatti, che erano troppo elaborati e si sono aggiudicati il secondo posto ‘ex aequo'”, la motivazione dei giudici.

Presenti gli alunni della elementare aquilana “Buccio di Ranallo” che hanno assistito anche ad altre esercitazioni tra cui l’antincendio nel bosco.

“Con l’esercito abbiamo cominciato a fare da ottobre esercitazioni ‘Vardirex’, simulando intervento e gestione delle emergenze a seguito di evento sismico, e proseguendo su quella scia l’esercito ci ha chiesto di rinnovare la collaborazione. Noi siamo disponibili, soprattutto quando c’è da lavorare con ‘la Penna’, e quindi siamo presenti in una giornata che ci mette insieme per verificare la funzionalità di tutte le forze in caso di emergenza”, ha spiegato Pietro D’Alfonso, presidente regionale Ana.