CORONAVIRUS, SUMMA: “PER RIPARTIRE PIÙ TAVOLI ALL’APERTO E NIENTE TASSA SUL SUOLO PUBBLICO”


PESCARA – Più tavoli all’aperto e occupazione del suolo pubblico gratis. È questa una possibile soluzione anti coronavirus per la ripartenza della ristorazione pescarese. A lanciarla è Cristian Summa, titolare di due ristoranti della città. Quello più longevo, Bottega del 40 lungo via delle Caserme e il nuovo arrivato, Cantina e Cucina su via Mazzini.

Summa nei giorni scorsi ha avanzato la sua proposta sui social per sondare gli umori di clienti e colleghi, prima di ufficializzarla in Comune.

“L’idea è che il Comune ci dia la possibilità di occupare una superficie più ampia, eliminando la tassa di occupazione del suolo pubblico – spiega Summa a Virtù Quotidiane –. In questo modo, noi ristoratori andiamo a recuperare i coperti, rispettando al tempo stesso le distanze minime. Anzi ampliandole e il cliente può vivere quel momento di svago in tutta sicurezza”.

Secondo Summa il vantaggio in mano alla categoria della ristorazione in questa disperata battaglia contro il Covid-19 sta nella bella stagione. “Quando riapriremo il 1 giugno – dice – sarà praticamente estate e questo ci permetterà di poter vivere all’aperto, evitando comunque gli assembramenti”.

La proposta del ristoratore viene sostenuta anche da altri dettagli. “Il primo elemento da garantire è quello della sicurezza – specifica -. Pertanto potremmo fare degli accordi con le ambulanze da mettere fisse sul posto, come siamo abituati a vedere ai concerti. Il secondo aspetto è di curare i dettagli. Immagino un intrattenimento musicale che possa contribuire a creare un’atmosfera carina. Possiamo pensare anche a degli accordi con vivaisti per disegnare l’arredo urbano. Penso a un sistema Pescara che possa essere sicuro e visivamente bello, sia nel centro storico che nella zona di piazza Muzii”.

Sulla riapertura ulteriormente ritardata al 1 giugno con il Dcpm del 26 aprile Summa si dice amareggiato. “Il problema non è tanto quando ripartire – afferma – perché bisogna farlo in sicurezza e solo dopo aver garantito l’aspetto sanitario. Ma a questo punto urge un faro concreto e non una promessa per sostenere una categoria che a oggi non ha avuto nessuna vera misura. Abbiamo una serie di spese correnti che con le attività ferme continuiamo a sostenere. Ci chiedono ulteriori sforzi, ma il governo non ha fatto alcuno sforzo per la nostra categoria”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022