GUIDA MICHELIN NORD EUROPA: 64 STELLATI, NOMA TORNA SUL PODIO

AARHUS – Momento magico per la cucina dei Paesi Nordici. Dopo il primo posto conquistato dalla Danimarca al Bocuse d’Or la guida Michelin, presentata ieri sera ad Aarhus, capitale del gusto in Danimarca, ha assegnato stelle a 64 ristoranti di cinque Paesi: Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Svezia.

Conservano le tre stelle Michelin Geranium a Copenaghen, Maaemo a Oslo e Frantzén a Stoccolma. Ma a far notizia sono le tre nuove due stelle, tra cui l’acclamato ristorante Noma di Copenhagen dopo il cambio di sede e l’apertura in Messico dove era ieri lo chef René Redzepi.

Due stelle anche a Jacob Holmstrom e Anton Bjurh’s Gastrologik di Stoccolma e Koks, nelle Isole Faroe, dove il capo chef di 29 anni, Poul Andrias Ziska, ha anche ricevuto il premio Young Chef per i Paesi nordici della Guida Michelin.

Premio speciale della guida rossa anche per accoglienza e sala che va al capo chef Paul Profitt e al direttore generale Garrey Dylan Dawson per conto di Henne Kirkeby Kro, due stelle Michelin.

Cambia la geografia delle mete gastronomiche: oltre a Trondheim in Norvegia che appaiono per la prima volta nella guida, Aalborg e R›nde in Danimarca, Grindavik in Islanda e Kosta in Svezia fanno tutti il loro debutto nel 2019. Mentre Islanda azzera le stelle e ha un Bib a Reykjavik, Skal.

Nel complesso, 30 ristoranti sono stati aggiunti a questa edizione. Doppio premio a una donna chef, Heidi Bjerkan, per la sostenibilità della sua cucina di mare e una stella Michelin.

In una cerimonia di premiazione molto dinamica, condotta dallo chef star Timm Vladimir, con tanto di auguri corali per il compleanno della bambina dello chef del Geranium Rasmus Kofoed, il direttore internazionale delle guide Michelin Gwendal Poullennec ha sottolineato il successo dell’originalità della cultura gastronomica nordica.

“Celebriamo il dinamismo e la diversità nordica – ha detto – che trova un successo globale. È una cucina molto innovativa, con ingredienti prodotti in modo sostenibile, frutto anche della partecipazione della comunità locale”.

Per il sindaco di Aarhus Jacob Bundsgaard “ogni stella, e la cittadina danese ne ha quattro, premia lo chef e la sua brigata, ma anche tutta la comunità perché crea una qualità condivisa e partecipata dallo street food alle distillerie che fanno di Aarhus la capitale gastronomica della Danimarca”.

Nella guida Michelin e nelle realtà imprenditoriali premiate, la maggioranza è condotta da giovani.

“Qui regna il cibo del futuro” ha concluso Andres Juhnav, presidente della regione centrale danese, nel sottolineare come la “gastronomia sia un potente motore di crescita economica, sociale e un inno alla condivisione dei saperi e sapori”.

Articoli correlati