L’AQUILA, UNA VENTISEIENNE RIAPRE LA STORICA GROTTA DI ALIGI


L’AQUILA – Manca ormai pochissimo al ritorno della Grotta di Aligi, lo storico ristorante al piano terra del Grand Hotel del Parco in procinto di riaprire i battenti per la fine del mese con una gestione tutta nuova. Un locale di lunga tradizione nel panorama gastronomico dell’Aquila dove, nel corso degli anni, hanno cenato personaggi illustri, come Diego Armando Maradona.

Dopo i lavori di ristrutturazione dei locali inagibili in seguito al terremoto del 2009 e le diverse gestioni che si sono succedute, entra in scena nella direzione del ristorante Anastasia Giovani, 26 anni, determinata a segnare una nuova epoca nella storia dell’osteria, forte dell’aiuto dei suoi genitori, già titolari di un altro ristorante a Navelli, l’Antica Taverna e in passato dello Chalet di Bazzano.

“Quando ho saputo della possibilità di gestire La grotta di Aligi ho deciso subito di lanciarmi in questa nuova avventura che spero sia duratura perché il mondo della ristorazione è quello cui appartengo e che mi piace”, dice a Virtù Quotidiane Anastasia, alle prese con gli ultimi aggiustamenti del locale che si chiamerà Osteria Grotta di Aligi, dove rimangono, nell’arredamento interno, le stesse caratteristiche in stile impero.

“Una osteria dove si potranno bere prevalentemente vini naturali, di qualità ma a prezzi accessibili, alla portata di tutti – afferma – . I cibi saranno espressione del territorio, carni e formaggi appartenenti alla cultura gastronomica locale nei piatti del menù preparati con uno sguardo al futuro, all’insegna delle novità e con attenzione particolare all’estetica”.

La cucina è affidata allo chef Mario Caponio, originario di Sulmona. “L’intenzione – spiega la nuova titolare – non è quella di proporre un menù gourmet ma di offrire piatti che esaltano oltre al gusto anche l’aspetto. Mi piace molto l’idea di mantenere gli elementi del locale che hanno caratterizzato un’epoca, l’arredamento, il pavimento, lo stesso degli anni Sessanta ma è in cucina che ho voglia di portare una ventata di aria fresca”.

Tutto è quasi pronto, anche la nuova insegna, per l’inaugurazione in programma verso la fine del mese.