L’AQUILA, TORNA LA GRANDE MUSICA TARGATA BARATTELLI CON IL TRIO DI PARMA


L’AQUILA – Torna il Trio di Parma in concerto a L’Aquila presso l’Auditorium del Parco, domenica 10 novembre con inizio alle ore 18. Dopo l’esecuzione integrale dei trii per violino, violoncello e pianoforte di Beethoven, un progetto che si è sviluppato nel corso delle precedenti stagioni, la Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” ha affidato al prestigioso ensemble un nuovo percorso musicale con l’esecuzione dei “Trii Slavi”.

In questo primo appuntamento sono in programma alcune opere di musica cameristica del compositore ungherese György Kurtág (classe 1926) e due trii del compositore cèco AntoninDvoák (1841-1904). Del primo autore si eseguono brani per violoncello solo, per violino e pianoforte e il “Varga Balint Ligaturaja” per trio. Due coinvolgenti pagine di Dvo?ák chiudono il programma: il Trio n. 1 op. 21 e il Trio n. 4 op. 90.

Il Trio di Parma è certamente uno degli ensemble cameristici più prestigiosi in Italia, con riconoscimenti importanti anche all’estero, ed è composto da tre straordinari interpreti: il violinista Ivan Rabaglia che suona un prezioso violino realizzato da Giovanni Battista Guadagnini a Piacenza nel 1744; il violoncellista Enrico Bronzi, con uno strumento di Vincenzo Panormo costruito a Londra nel 1775 ed il pianista Alberto Miodini.

Si è costituito nel 1990 nella classe di musica da camera di Pierpaolo Maurizzi al Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma ed in pochi anni si è imposto sulla scena internazionale con una notevole attività discografica e concerti con i più grandi artisti del mondo. Il trio è impegnato anche a livello didattico nei Conservatori di Novara, Gallarate, al Mozarteum di Salisburgo, alla Chamber Music Academy di Duino e alla Scuola di Musica di Fiesole.