STORICA UNIONE TRA BARATTELLI E SOLISTI AQUILANI PER LA NUOVA STAGIONE, ASPETTANDO LE DECISIONI SUI LIMITI DI CAPIENZA


L’AQUILA – Oltre il muro della paura e delle difficoltà, per costruire insieme un percorso nuovo. È sotto questo auspicio che per la prima volta due prestigiose istituzioni cittadine, la Società Aquilana dei Concerti “Bonaventura Barattelli” e “I Solisti Aquilani” presentano insieme i due cartelloni per la nuova stagione concertistica, dal titolo “Oltre il muro. Ascoltare. Guardare”.

Da ottobre 2021 a maggio 2022 trenta concerti e una condivisione sia artistica che di spazio, con l’Auditorium del Parco sede prevalente per entrambe le stagioni, per una collaborazione storica e senza precedenti, presentata stamane in una conferenza stampa a Palazzo Fibbioni, alla presenza del sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, del presidente della Barattelli Giorgio Battistelli, del presidente dei Solisti Aquilani Fabrizio De Agostini Dragonetti de Torres e del direttore artistico della Barattelli Fabrizio Pezzopane.

“Oltre agli ostacoli legati alla pandemia, bisogna superare quello della paura. Soprattutto in questi tempi Le attività culturali non vanno circoscritte ad un’unica istituzione, c’è bisogno di collaborazione, soprattutto in questi tempi così complicati per il settore” ha detto Battistelli. “Con questo progetto vogliamo superare i troppi muri che circondano questa città, iniziando un percorso di confronto, dando vita ad un ampio spettro che unisca stili e linguaggi, creando una sinergia totalizzante tra le istituzioni culturali e la città, e per farlo è anche necessaria creare un clima di empatia con la politica”.

Il programma 2021/2022 del duo Barattelli-Solisti Aquilani, firmato dal direttore artistico Fabrizio Pezzopane, riflette la particolare situazione che la comunità si trova ancora a vivere a causa dell’emergenza sanitaria.

Accanto alla decisione di rispettare gli impegni già presi per la scorsa stagione e al contempo proseguire progetti già iniziati come l’esecuzione integrale dei “Quartetti per archi di Beethoven” affidata al Quartetto di Cremona ed il ciclo di concerti dedicati ai “Trii slavi” con il Trio di Parma, spiccano grandi nomi di livello internazionale come i pianisti Michael Dalberto, Paul Lewis, Enrico Pace, i violinisti Ilya Gringolts e Carolin Widmann, Simone Rubino, Enrico Dindo e tanti altri.

Si partirà il 3 ottobre, con l’inaugurazione affidata al pianista Francesco Piemontesi: per gli appassionati di musica antica, imperdibili gli appuntamenti con Raffaele Pe & La lira di Orfeo, e quello con Ottavio Dantone che insieme ad Alessandro Tampieri eseguirà l’integrale delle “Sonate per violino e clavicembalo di Bach”, mentre si preannunciano ricchi di fascino gli incontri con l’Ensemble Incanto per la rivisitazione musicale dell’opera di Michael Nyman “L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello” e quello con “Dialoghi sopra l’incantesimo del suono”, quattro linee generatrici del suono insieme per un dialogo tra strumenti acustici tradizionali e musica elettronica.

Non mancherà infine il tributo all’anniversario della morte di Dante con l’evento “Vox in Bestia, un nuovo bestiario d’amore”.

Il prezzo dei biglietti sarà di 5 euro, con prenotazione obbligatoria a partire dal martedì precedente il concerto. Anche quest’anno ogni artista eseguirà un doppio concerto, alle 16 e alle 19, per consentire a quanta più gente possibile di assistere agli eventi, in attesa della decisione del governo in merito alla possibilità di eliminare il distanziamento sociale durante gli eventi culturali, sulla quale si è pronunciato anche il sindaco Biondi: “Che si dia un senso agli sforzi e i sacrifici compiuti dal settore. Nei luoghi di cultura le norme di sicurezza sono sempre state rispettate, e lo dimostra il basso numero di contagi verificatisi in tali occasioni: auspico che l’annunciato superamento del distanziamento all’interno dei luoghi dove si fa cultura divenga realtà”.

Orari e modalità saranno consultabili sui rispettivi siti www.barattelli.it e www.solistiaquilani.it.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021