“MELACUCITA”, FRIDA KHALO E FANTASIE TRIBALI PER BAMBINE STILOSISSIME


PESCARA – Abitini dalle ampie gonne a ruota ritraggono il mondo floreale e cromatico di Frida Khalo, la pittrice messicana, simbolo di donna indipendente e rivoluzionaria. Volant, tulle, rouches, bretelle realizzate all’uncinetto, colori e fantasie tribali. L’originalità di Melacucita rende le bimbe che indossano le sue creazioni, stilosissime donne in miniatura.

Nonna e architetto in pensione pescarese, Carmela Irtelli da qualche anno si è dedicata a tempo pieno al cucito ed è riuscita a creare una linea di abiti dallo stile inconfondibile.

Classe 1951, nata a Civitaluparella (Chieti), ma cresciuta a Pretoro (Chieti), Carmela si è laureata alla facoltà di Architettura a Pescara, dove vive e dove ha esercitato la professione per 43 anni, occupandosi soprattutto di lavori pubblici in tutto l’Abruzzo.

“I fratelli di mio padre sono stati tutti sarti di alto livello – racconta nonna Mela a Virtù Quotidiane – e io ho sempre avuto la passione per il cucito, lavorando la lana e all’uncinetto”. Arrivata la pensione e con la prematura scomparsa del marito Mariano, nonna Mela ha alimentato ancora di più il suo hobby, diventato in poco tempo molto di più.

“Tutto è iniziato quando, circa tre anni fa, sono stata a Milano a vedere una mostra su Frida Khalo. Sono rimasta particolarmente colpita dalla sua figura”. Tornate a casa, la figlia Vera ha iniziato a cercare delle stoffe dedicate all’artista messicana che di fatto hanno dato il la ai primi originalissimi abiti.

Muse ispiratrici e principali modelle di Carmela sono le sue dolcissime nipotine, Carlotta di 5 anni e Matilde di 3, figlie di Vera, per le quali inizia a cucire dapprima copertine e magliette per poi via via dedicarsi agli strepitosi abiti che oggi rappresentano il suo pezzo forte.

A stimolarla a rendere la sua passione una vera attività sono stati i suoi figli Vera e Lorenzo che oltre ad incitarla ad andare avanti la supportano materialmente. Se Vera infatti reperisce insieme alla mamma le stoffe in giro per il mondo per realizzare gli abiti, Lorenzo le ha creato le pagine social e l’ha aiutata ad allestire una vera e propria vetrina sul marketplace online globale, Etsy, dove acquistare gli abiti Melacucita, per bambine dai 2 ai 6 anni. “Ho venduto in Italia – dice orgogliosa – ma persino all’estero, in California e a Philadelphia, ad esempio”.

Per ogni vestito ci sono almeno 4 o 5 giorni di lavoro, dal momento che la cura dei dettagli è altissima. “Molte cuciture le faccio a mano e rifinisco anche quelle interne – confessa -. Ho realizzato delle gonnine jeans, facendo all’uncinetto le bretelle”.

Utilizzando materiali di altissimo pregio, a partire dalle stoffe, spesso è il particolare a ispirare l’artigiana dei tessuti. “A volte costruisco un modello attorno a un colore che mi colpisce quando acquisto i gomitoli, altre ad esempio attorno a un bottone. Qualche tempo fa ho cucito un vestito con le stelline, perché avevo una stella dorata che volevo fosse il centro dell’abito”.

Tra le ultimissime novità Melacucita, le gonne pantalone, identiche per mamma e figlia, con tanto di frontini abbinati con fiori applicati in perfetto stile Frida.

LE FOTO

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.