TEATRO, MUSICA E CINEMA: RIPRENDONO LE ATTIVITÀ CULTURALI DELL’UNIVERSITÀ DELL’AQUILA


L’AQUILA – Un calendario fitto e di grande spessore quello delle attività culturali di ateneo a cura dell’Università degli studi dell’Aquila per l’anno 2020-2021, presentato stamane in una conferenza stampa presso la sede del rettorato a Palazzo Camponeschi, alla presenza del rettore Edoardo Alesse, dei docenti Gianluigi Simonetti e Doriana Legge e del direttore generale Pietro Di Benedetto.

Un programma che punta in maniera decisa sul teatro, con la terza edizione di “Aria – Festival di teatro dell’Università degli studi dell’Aquila”, che darà il via gli eventi che si terranno in autunno e in inverno presso l’Auditorium del Parco, in forma gratuita e nel rispetto delle norme imposte dall’attuale emergenza sanitaria, senza però trascurare le iniziative del mondo della musica, della letteratura e del cinema.

“È stato un piccolo miracolo riuscire a riprogrammare tutto a causa dell’emergenza CoVid-19”, ha detto Simonetti. “Abbiamo dovuto rinunciare a qualcosa, come il laboratorio di teatro partecipato, ma abbiamo mantenuto un programma di alto livello. Un grande investimento è stato fatto per il teatro: la nostra università ha una grande tradizione legata a questo mondo, complementare con l’attività del Teatro Stabile d’Abruzzo”.

“Non ci sarà però solo solo teatro” ha proseguito il docente. “Per la letteratura, ci sarà un piccolo ciclo di incontri chiamato ‘Letteratura e umorismo’, invitando scrittori abili sia nello scrivere che nel porgere i propri testi dal vivo in maniera performativa e coinvolgente, tra i quali Francesco Piccolo e Alessandro Gori. Per quanto riguarda la musica, avremo due cose molto diverse tra loro: ‘Le sette mogli di Barbablù’ del grande compositore Nicola Campogrande, e lo spettacolo tra punk e rock di Edda. Per quello che riguarda il cinema, rinnoveremo la collaborazione con ‘L’Aquila Film Festival’, invitando anche il regista Agostino Ferrente che ci parlerà del suo nuovo film Selfie“.

“Sono veramente orgoglioso del lavoro fatto per riorganizzare le attività culturali. Stiamo dando riprova della centralità che ha l’ateneo in questa città, e grazie al lavoro svolto siamo riusciti nonostante le difficoltà a portare un programma di eventi di alta qualità”, ha concluso soddisfatto il rettore Edoardo Alesse.

Per tutti gli eventi di “Aria – teatro festival”, che si terranno all’interno dell’Auditorium del Parco, è obbligatoria la prenotazione tramite l’app di ateneo o inviando una mail all’indirizzo attivitaculturali@univaq.it.

PROGRAMMA “ARIA – TEATRO FESTIVAL”, AUDITORIUM DEL PARCO

5 Ottobre, ore 18,30 – Roberto Latini e Forterbraccio teatro,”Cantico dei Cantici”
8 Ottobre, ore 17,30 e 20,30 – Sonia Bergamasco, “Sylvia Plath. Il canto allo specchio”
13 Ottobre, ore 20,00 e 21,30 – Motus, “Chroma keys”
23 Ottobre, ore 18,30 – Chiara Lagani, Fanny & Alexander, “I Libri di Oz”
16 Novembre, ore 18,30 – Andrea Cosentino, “Telemomò”
18 Novembre, ore 18,30 – Frosini, Timpano, “Acqua di Colonia prima parte: Zibaldino Africano”

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.