TERAMO CON LA CANTINA DI PORTA ROMANA NELLA GUIDA SLOW FOOD, SCHILLACI ESULTA


TERAMO – Non ha mai risparmiato critiche alle guide, in particolare a quella di Slow Food sulla quale non compariva neanche un ristorante di Teramo. Oggi arriva la rivincita per Marcello Schillaci, il “picconatore” dei circuiti delle guide e degli ambienti più blasonati della ristorazione regionale.

La sua Cantina di Porta Romana, nell’omonimo rione – cuore antico della città, dall’anteguerra fino agli anni ’60 principale punto di riferimento per pastori e contadini dell’entroterra – è stata inserita nella blasonata Osterie d’Italia, edita proprio dall’associazione fondata da Carlin Petrini per tutelare la biodiversità e il cibo buono, pulito e giusto.

Custode dell’autentica cucina teramana, e “padre” del disciplinare delle virtù, piatto tipico del primo maggio, Schillaci a Virtù Quotidiane parla di “un grande riconoscimento alla cucina teramana, alla sua storia e in particolare alla cucina delle antiche cantine, che molto orgogliosamente attraverso la mia cantina penso di rappresentare con umiltà e passione”.

“Grazie a Massimo Di Cintio, curatore della guida per l’Abruzzo – aggiunge Schillaci – che ha saputo cogliere queste sensibilità, tenendo sempre presente che ogni riconoscimento in ambito professionale non può che fare enormemente piacere e stimolare ancora di più l’impegno e la passione”.

“In un ambiente piccolo stile anni Sessanta, Marcello e Maria raccontano i piatti della tradizione teramana più pura. A maggio si possono gustare le straordinarie virtù”, si legge su Osterie d’Italia 2020.

La Cantina di Porta Romana è una delle 5 new entry abruzzesi nella guida. Mentre sono 11 i locali in Abruzzo che hanno ottenuto il massimo riconoscimento della Chiocciola. (m.sig.)

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.