IL MULINO ACQUA ORIA DI CANSATESSA, DAL 1772 UNA STORIA CHE RESISTE


L’AQUILA – Ha ben duecentoquarantasette anni ed è forse il mulino più antico della conca aquilana. Siamo a pochi chilometri dal capoluogo di regione, a ridosso della zona archeologica che un tempo era la città sabina di Amiternum i cui resti, in particolare l’anfiteatro e il teatro romano, sono ancora ben visibili nella piana sottostante il paese di San Vittorino.

È proprio qui, al confine “millimetrico” con Cansatessa, in via del Mulino, che nel 1772 è stato edificato il Mulino Acqua Oria, dal nome di una delle sorgenti del fiume Aterno.

Oggi l’acqua non c’è più, come racconta a Virtù Quotidiane il proprietario, Mario Lorenzetti, anche se l’attività del mulino continua incessante e senza mai fermarsi.

Finita l’erogazione dell’acqua, convogliata in uno degli acquedotti della zona, è stato infatti realizzato un impianto elettrico che gira con il ritmo che una volta era del fiume, grazie a un’attenta misurazione che Mario ha voluto fortemente proprio per ricreare le condizioni di una volta.

Tra i familiari che Mario ricorda con affetto c’è la figura della signora Santa Innamorati, sua nonna, conosciuta da tutti come Santuccia. Fu lei, dopo la morte prematura del marito, a prendere le redini del mulino per poi tramandarle a figli e nipoti.

Anche la farina di produzione propria è quella di una volta, frutto della coltivazione di un grano antico, senza concimi e diserbanti, macinata a pietra nella macina di pietra silicica di quasi tre secoli.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.