PESCARA-BORDEAUX, GEMELLAGGIO ALL’INSEGNA DEL BUON VINO E DI D’ANNUNZIO


MILANO – Una sessantina di percorsi tra le cantine, per 305 chilometri tra i vigneti. Ma anche un centro storico di impianto neoclassico dichiarato Patrimonio dell’Umanità Unesco e uno sguardo al futuro con il nuovo e avveniristico polo internazionale Citè du Vin.

È nelle librerie da questi giorni l’ultimo titolo della collana Guide Low Cost (Morellini Editore) dedicato a Bordeaux, autore il giornalista Paolo Crespi.

Città del Sud-Ovest della Francia, a meno di un’ora dalle spiagge di dune affacciate sull’Atlantico, Bordeaux è nota in tutto il mondo per il vino che porta il suo nome.

Sempre più spesso meta per brevi vacanze (dall’Italia si raggiunge in meno di 2 ore di aereo e i collegamenti ferroviari sono favoriti dall’alta velocità), la guida suggerisce di visitare, tra l’altro, il Miroir d’eau in place de la Bourse, il Pont de Pierre di epoca napoleonica, il Gran Théâtre de Bordeaux del Settecento, il Darwin Éco-système, laboratorio di innovazione sociale e artistica e il Capc, museo di arte contemporanea.

Nei dintorni Arcachon, sin dalla prima metà del XIX secolo nota località turistico-balneare dove soggiornarono Alexandre Dumas, Toulouse Lautrec, Marilyn Monroe e Gabriele D’Annunzio. Proprio per questo la città è gemellata con Pescara.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.