ANIME SANTE, IL RESTAURO DELLA CHIESA SIMBOLO DEL TERREMOTO DELL’AQUILA NEL DOCUMENTARIO DI LUCA COCOCCETTA


L’AQUILA – La Chiesa di Santa Maria del Suffragio dell’Aquila è stata, con il crollo in diretta televisiva della sua cupola, un simbolo del terremoto del 2009. Il complesso e impegnativo cantiere di recupero e restauro, coordinato dal Segretariato regionale del Ministero dei beni culturali e finanziato dal Governo francese e dal Governo italiano, ha trasformato questo comune sentire e la Chiesa è oggi un simbolo della rinascita della città.

Attraverso molteplici voci il documentario Le Anime Sante racconta per intero questo percorso: dalla messa in sicurezza subito dopo il sisma, ai quattro anni di un cantiere innovativo e trasparente, alla riconsegna agli aquilani.

Il documentario è stato realizzato da Visioni Future grazie al finanziamento del Programma Restart (fondi statali per la ripresa socio-culturale post-terremoto) e dell’Associazione temporanea di imprese Italiana Costruzioni-Fratelli Navarra e la partecipazione della Parrocchia di Santa Maria del Suffragio Anime Sante, del Comune dell’Aquila, del Segretariato regionale dell’Abruzzo e Paesaggistici dell’Abruzzo, di Soprintendenza per il cratere e Soprintendenza Abruzzo e del Corpo nazionale Vigili del Fuoco.

L’anteprima è in programma all’Aquila giovedì prossimo, 19 dicembre alle ore 17,30 presso l’aula A3 del dipartimento di scienze umane dell’Università in viale Nizza.

Intervengono il regista Luca Cococcetta, l’autore Marco Zaccarelli, Franco De Vitis della Soprintendenza dell’Aquila e del cratere, Anna Colangelo della Soprintendenza regionale, Leonida Pelagalli dell’Ati Italiana costruzioni-Fratelli Navarra. Modera Carla Bartolomucci del dipartimento di ingegneria dell’Ateneo.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.