CINGHIALI DA PROBLEMA A RISORSA, IN ABRUZZO NASCE LA FILIERA CONTROLLATISSIMA DELLA CARNE


PESCARA – Trasformare il problema della presenza dei cinghiali in una risorsa per il territorio e in un’opportunità per i cuochi e i consumatori.

Nasce con un obiettivo preciso il progetto “Risorse Naturali d’Abruzzo” volto a contribuire alla riduzione dei cinghiali, salvaguardando il territorio dai danni provocati dagli ungulati e costruendo una filiera forte, competitiva e qualificata, capace di incrementare il consumo di carne di selvaggina trasformata in maniera sicura e di qualità.

Il progetto è condotto da un’associazione temporanea di imprese con capofila la cooperativa Asca di Nunzio Marcelli, uno degli ultimi pastori d’Abruzzo, e aggrega ben 22 partner tra investitori diretti e indiretti.

La vera grande novità del progetto sta “nell’essere riusciti a mettere insieme in maniera sinergica – dice Marcelli a Virtù Quotidiane – in un’unica filiera cacciatori, agricoltori e trasformatori. Ogni anno in Abruzzo vengono abbattuti circa 10-12 mila cinghiali. Una buona parte di questi viene sottoposta alle verifiche della Asl e immessa nel circuito alimentare. Un’altra parte, invece, non viene controllata”.

L’anello mancante in questa catena risiede tra la fase della caccia e l’arrivo delle carni negli impianti di lavorazione. È proprio su questo vuoto normativo che si inserisce il progetto “Risorse Naturali d’Abruzzo”, finanziato dal Psr Abruzzo 2014-2020 a valere sulla misura 16.4 “Filiere Corte e Mercati Locali”. Il programma prevede una durata di 14 mesi e che quattro aziende svilupperanno investimenti sulle misure del Psr Abruzzo per lo sviluppo e la creazione di una filiera efficace ed efficiente.

L’idea è quella di allestire dei centri di stoccaggio, già dotati di catene del freddo dove portare attraverso un’adeguata rete di trasporti, le carni cacciate così da garantire la qualità sanitaria e merceologica. I fondi serviranno per finanziare centri di raccolta già nelle aziende agricole, centri di lavorazione e trasformazione delle carni, materiali e attrezzature varie e furgoni refrigerati per preservare la catena del freddo.

“La proliferazione dei cinghiali – dice ancora Marcelli – rappresenta danni per l’agricoltura e il turismo. C’è bisogno di un sistema per gestire questa emergenza e trasformarla in un’opportunità di lavoro e di valorizzazione del territorio, trattandosi di una carne a basso impatto ambientale da un punto di vista energetico”.

“Il progetto si pone l’obiettivo di trasformare un problema in risorsa – afferma il coordinatore Fabio De Marinis – . Con la vendita di carne di selvaggina attraverso una filiera controllata e certificata, si potrà far emergere un consumo sempre regolare e sicuro per il consumatore, ma anche integrare il reddito delle aziende agricole aderenti”.

Le intere province di Pescara e di Chieti e oltre la metà della provincia dell’Aquila saranno i principali fornitori della selvaggia e in particolare del cinghiale. “Si ipotizza – aggiunge De Marinis – che a regime la filiera possa intercettare almeno un 55 per cento di tutti i cinghiali abbattuti in Abruzzo”.

“Sono fiducioso sul contributo che questo progetto possa dare in termini di salvaguardia e valorizzazione del territorio riducendo gli effetti che la fauna selvatica sta creando – commenta Mauro Di Zio, presidente Cia Abruzzo – . La nostra confederazione, a livello nazionale, è già promotrice di una radicale riforma della legge 157 del 1992 che regola l’attività di caccia e che, innanzitutto, si pone l’obiettivo di sostituire il concetto di protezione con quello di gestione, e prevede varie iniziative volte a tutelare l’attività agricola”.

Entrano di diritto in questa filiera i ristoratori e gli chef che con la valorizzazione gastronomica della carne di selvaggina attraverso le loro creazioni saranno importanti alleati del progetto.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.