VINITALY, “L’ANGOLO DEGLI ORRORI” DEL FALSO MADE IN ITALY


VERONA – Prosek, Bordolino, il Chianti canadese o il Marsala Made in Argentina e poi ancora Perisecco, Meer secco e persino un kit per fare il vino con strane polveri.

È un vero “angolo degli orrori” del falso made in Italy quello allestito da Coldiretti nella Vinitaly special edition, che Virtù Quotidiane come sempre segue con dirette video e approfondimenti sul posto offrendo un servizio unico.

Un modo per accendere i riflettori sulla piaga della contraffazione che in bottiglia vale un miliardo. Ne abbiamo parlato con Fabio Bonaccorso di Coldiretti.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021