ROMA È QUI: PILC, IL “PICCOLO AMAZON” DI PRODOTTI ARTIGIANALI E AGRICOLI ABRUZZESI SBARCA SUL MERCATO DELLA CAPITALE


L’AQUILA – Sbarcano on line i prodotti artigianali e agricoli abruzzesi grazie al portale “Roma è qui” e alla piattaforma logistica Pilc. Un “piccolo Amazon” tutto italiano che esporrà, venderà e porterà direttamente a casa dei cittadini dell’area metropolitana di Roma i prodotti tipici dell’Abruzzo, delle Marche, dell’Umbria e del Lazio.

L’idea di una piattaforma di commercio elettronico dei prodotti tipici regionali è nata un anno e mezzo fa e vede il suo punto di forza nei servizi logistici di primo e ultimo miglio svolti dal gruppo cooperativo Cls, importante operatore nel settore della logistica. Il progetto che prenderà il via a marzo del prossimo anno è stato presentato stamattina a Casa Onna, all’Aquila, durante il primo seminario Progetto Pilc di “Roma è qui”.

“Cls è un’azienda che si propone di arrivare e transitare in Abruzzo – ha affermato Mario Terra, presidente del consorzio Cls – Il Cls è un operatore logistico che nasce nel 1947 e oggi è un primo operatore dell’alta moda, della profumeria, dei vini e di tutti i prodotti di consumo delle grandi città aree metropolitane. Dal momento che abbiamo un transito quotidiano in queste zone, abbiamo pensato di proporre un piattaforma mobile di logistica e distribuzione a queste 4 regioni del centro Italia”.

Un modello Amazon, insomma, in formato ridotto, ma anche una grande vetrina per gli operatori dell’artigianato e dell’agricoltura, come specifica Terra.

“Daremo la possibilità di rendere visibili gli invisibili, artigiani e contadini, all’interno di un portale. Con gli acquisti on line potremmo portare nelle case dei cittadini romani i prodotti tipici della terra d’Abruzzo”.

Presenti al seminario anche il presidente della Camera di Commercio Lorenzo Santilli, il direttore di Cna L’Aquila Agostino Del Re, il vicedirettore di Confartigianato Imprese Cheti -L’Aquila Pierluigi Arduini e l’assessore al Commercio del Comune dell’Aquila Alessandro Piccinini.

“Un’opportunità in più e uno strumento da verificare che soprattutto non sfrutti il produttore locale e che gli consenta e gli consegni nuovi territori dove portare i propri prodotti. – ha detto Piccinini – Quando parliamo di produttori locali non parliamo solo degli aquilani ma anche di quelli provinciali e regionali. Tra l’altro gli ideatori di questo progetto apriranno in città anche una nuova attività, hanno già affittato dei locali. Fanno la consegna dell’ultimo miglio e saranno operativi a breve anche nella nostra città che p stata scelta insieme ad altre su cui sono già operativi”.