LE EPIDEMIE DELLA STORIA NARRATE DAI DOCUMENTI DELL’ARCHIVIO DI STATO DI PESCARA


PESCARA – Le epidemie della storia in Italia e in Europa narrate attraverso documenti storici. Domenica prossima, 11 ottobre, in occasione della “Domenica di Carta”, il progetto nazionale del Mibact, l’Archivio di Stato di Pescara ha organizzato un’esposizione ad hoc della memoria sulle emergenze sanitarie del passato.

Rispondendo all’appello del ministero e della Direzione generale degli archivi, l’istituto con sede nell’Aurum di Pescara, diretto da Maria Amicarelli, proporrà una serie di documenti che dal 1897 al 1910 ripercorreranno le principali emergenze sanitarie.

Saranno esposti i documenti sulle epidemie dell’anno 1898 e del 1914, sul colera del 1911; documenti degli ufficiali sanitari del 1897; gli elenchi del servizio sanitario del 1901; le vaccinazioni e cure antirabbiche del 1911; documenti dei lazzaretti del 1911, sulla distribuzione del chinino di Stato 1904-1910; e infine la nomina delle guardie sanitarie 1884-1886. Saranno inoltre esposte foto d’epoca di “epidemie in Italia e in altri paesi d’Europa”.

Il progetto intende incentivare la valorizzazione del patrimonio archivistico riguardo la salute pubblica, la storia della medicina, le epidemie, le misure di contenimento, le reazioni della popolazione, i rimedi sanitari innovativi, gli ospedali e gli antichi medicanti, proponendo al pubblico documenti, foto, registri ed elenchi.

La mostra, il cui ingresso è gratuito, sarà visitabile dalle 8,30 alle 12,30, previa prenotazione. L’ingresso, con utilizzo obbligatorio della mascherina, avverrà secondo le disposizioni relative al Covid 19. Per informazioni as-pe@beniculturali.it, as-pe.comunicazione@beniculturali.it o 085-4549724.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.